Certamente, anzi: la situazione di disoccupazione/inoccupazione (anche temporanea) fa rientrare nella fascia di soggetti con minori opportunità per cui sono riservati una percentuale dei posti